• ROBERT DAWSON
  • ROBERT DAWSON

  • ROBERT DAWSON, nasce a New York, ma trascorre gran parte della sua infanzia a Ginevra, in Svizzera. Oggi vive e lavora a Londra dove ha fondato il suo studio AESTHETIC SABOTAGE. Laureato in Ceramica al Royal College of Art, nei primi anni novanta inizia a lavorare su manufatti storici dell’arte ceramica, rivisitandoli e manipolandoli per applicarli di nuovo a vasellame da tavolo in porcellana e piastrelle in ceramica. Le sue rielaborazioni del Willow Pattern, un motivo blu raffigurante un salice, si basavano sull’ingrandimento, la distorsione e il ritaglio di elementi di questa tipica decorazione in stile cinese, molto diffusa in Gran Bretagna. Un’operazione originale che trova presto un gran numero di imitatori. In seguito Robert si concentra sulla creazione di opere d’arte pubbliche in larga scala. Nel 2004, Wedgwood gli chiede di tornare al Willow Pattern e tra le opere realizzate va ricordata la celebre serie “After Willow Pattern”, custodita ora presso il Victoria and Albert Museum insieme al suo “In Perspective Willow”, concepito nel 1992. Più recentemente, le creazioni di Robert hanno esplorato il tema della natura degli schemi e delle sequenze decorative. Nel 2013, il suo lavoro per il nuovo edificio Sedgemoor a Liverpool, incorpora disegni di piastrelle Minton del St. George’s Hall, ma ne elimina parte dei motivi, producendo così schemi decorativi alternativi e creando nuovi ritmi visivi sulle superfici delle pareti rivestite da piastrelle.

     

  • PROGETTI PER CERAMICA BARDELLI

  • ARIANNA ORO

  • ARIANNA PLATINO

  • BLUE WILLOW

  • RUBY WILLOW

Torna su

Per poter gestire al meglio la tua navigazione su questo sito verranno temporaneamente memorizzate alcune informazioni in piccoli file di testo denominati cookie. È molto importante che tu sia informato e che accetti la politica sulla privacy e sui cookie di questo sito Web. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra Privacy Policy

Lasciando attivi i cookies, acconsenti all'utilizzo dei cookie a meno che tu non li abbia disabilitati